Piombo e colori

approfondisci

Roberto Arlt è, con Borges, Bioy Casares, Manuel Puig e Soares una delle figure fondamentali della letteratura argentina del Novecento. La parabola della sua vita, breve e frammentaria, è legata all’appassionata esplorazione dello spirito bonaerense a cavallo fra le due guerre. Figlio di emigranti prussiani, vero conoscitore delle sfumature culturali della città, Arlt fu scrittore e reporter autodidatta, cittadino informatissimo e fondamentalmente pettegolo, libertario tendente all’anarchia, filologo, bibliomane, feroce antiaccademico. La sua è una prosa sorniona e mai eccessivamente sorvegliata. Arlt sceglie la divagazione, l’eccesso e la polemica, quasi come a prendere per il bavero il lettore, per tirarlo con uno strattone nel buio di un vicolo nascosto della Boca. I racconti di "Scrittore fallito" e i reportage delle "Acqueforti di Buenos Aires" ne testimoniano la grande abilità di narratore, la sensibilità vicina all’espressionismo europeo – la cui eredità è riscontrabile in molti degli autori del boom, da Cortázar a Onetti; emerge soprattutto un’incontenibile fascinazione per la vita di strada, per i tafferugli e gli inghippi di tutto un paese che mentre si ammoderna cambia lentamente connotati. In quei tempi – e così in questi nostri tempi difficili – la voce di Roberto Arlt risuona cinica e disincantata, mentre nelle note più lievi echeggia la nostalgia, il desiderio, un amore incondizionato per i luoghi e i personaggi dei suoi libri sempre così disposti alla rovina.

«Arlt, il gergo del furore» di Francesca Lazzarato (Alias del 05/10/2014)

Nel 1991 il supplemento letterario del quotidiano Pagina/12 pubblicò un testo di Ricardo Piglia intitolato Arlt: un cadaver sobre la ciudad (oggi lo si può leggere nella raccolta Formas breves, edita nel 2000 da Anagrama), in cui si raccontava del funerale di Robert Arlt: dopo la veglia, la bara, troppo grande per passare dalla porta, venne calata dalla finestra della casa e rimase sospesa sul panorama di Buenos Aires, città dove lo scrittore era nato a metà del 1900. La storia è suggestiva, ma probabilmente falsa: lo sottolinea Sylvia Saitta, autrice di El escritor en el bosque de ladrillos. Una biografía de Roberto Arlt – nonostante Piglia affermi che a svelargliela erano state certe foto viste insieme a Juan Carlos Martini, come lui animatore, negli anni Ottanta, di una fugace rivista letteraria chiamata «El traje del fantasma» (titolo, guarda caso, tratto da un racconto arltiano). La veglia, infatti, in realtà si era tenuta al pianterreno del Circolo della Stampa, per non parlare del fatto che l’episodio ricorda in modo sospetto quello, analogo e autentico, accaduto nel 1964 a Montevideo, quando l’enorme feretro di Felisberto Hernández – altro indomabile scrittore eccentrico – planò lentamente in strada grazie a corde e carrucole. Quell’estremo e mai avvenuto librarsi sopra Buenos Aires consentì tuttavia a Piglia di commentare che la bara sospesa nell’aria «è una buona immagine del posto di Arlt nella letteratura argentina. È morto a quarantadue anni e sarà sempre giovane e continueremo sempre a far uscire il suo cadavere dalla finestra. Il rischio più grande che corre oggi la sua opera è quello della canonizzazione. Finora il suo stile lo ha salvato dall’andare a finire in un museo: è difficile neutralizzare una scrittura che si oppone frontalmente alla norma di ipercorrettezza che definisce lo stile medio della nostra letteratura». In effetti, nessuno è più estraneo di Arlt a quel peccato mortale che Piglia chiama con lapidaria efficacia «stile medio», tanto che la sua irruzione perturbante e innovatrice nella letteratura argentina, alla cui tradizione fu in fondo estraneo, può essere paragonata solo a quella di Manuel Puig, autore da lui diversissimo, ma con il quale condivide la capacità di essere vistosamente in anticipo sul proprio tempo. Non sono mancate, per fortuna, le versioni italiane dell’opera di Roberto Arlt, anche se Il giocattolo rabbioso del 1926, I lanciafiamme del 1929 e I sette pazzi del 1931 sono arrivati da noi solo negli anni Settanta, e se abbiamo dovuto aspettare il 2013 per leggere L’amore stregone del 1932, l’ultimo dei suoi quattro romanzi; la stessa peraltro discontinua attenzione non è toccata a i cinque volumi di racconti usciti fra il 1933 e il 1940 (in passato, solo due brevi raccolte ce ne hanno proposto una scelta), e nemmeno alle celebri Aguafuertes porteñas dedicate a Buenos Aires e ai suoi abitanti: migliaia di testi brevi apparsi ogni giorno sul quotidiano El Mundo a partire dal 1928, che assicurarono al loro autore una considerevole popolarità. Oggi la lacuna viene in parte colmata dalla prima traduzione italiana delle Acqueforti di Buenos Aires (a cura di Marino Magliani e Alberto Prunetti, Del Vecchio editore, pp. 304, euro 15,00) dove ne sono state selezionate, tradotte e annotate una settantina, e da Scrittore fallito (SUR, pp. 231, euro 15,00), un’antologia di racconti scelti e tradotti da Raul Schenardi, che ha privilegiato gli inediti e ha attinto in modo particolare alla raccolta «africana» El criador de gorilas (quindici racconti esotici, fantastici e avventurosi pubblicati per la prima volta nel 1941), superando brillantemente i non pochi ostacoli posti dal lessico e dalla sintassi di Arlt. È ovvio, a chi conosca l’autore, che i due libri vanno letti in parallelo, perché temi, personaggi, ossessioni, ambienti, visioni, incubi, suggestioni e polemiche rimbalzano continuamente da un testo all’altro, tendendo fili evidenti tra l’autore di racconti e la «firma» di El Mundo (lo stesso Arlt, del resto, in una Aguafuerte del 1929 dedicata alla professione che gli dava da vivere e che gli permise di viaggiare come inviato in Cile,Brasile, Uruguay, Africa e Spagna, dichiarò:«Per essere un bravo giornalista bisogna essere un bravo scrittore»). Per molto tempo le Acqueforti, raccolte in volume già nel 1933, sono state considerate una produzione minore e non strettamente letteraria, materiale deperibile nato per essere rapidamente consumato da operai, impiegati e casalinghe che prediligevano il formato tabloid, le prime pagine vistose e il taglio semplice di El Mundo, giornale creato alla fine degli anni Venti in una nazione che ancora beneficiava di una crescita economica straordinaria e dell’ingresso nella vita politica di una classe media e di un proletariato nati da un gigantesco meeting pot, del quale anche Arlt era figlio (suo padre era prussiano, sua madre triestina). A questo pubblico abbastanza alfabetizzato da poter accedere alla vasta offerta di una industria editoriale in piena espansione, Arlt si rivolgeva direttamente e in prima persona, stabilendo un dialogo costante e senza nascondersi dietro una oggettività per lui impossibile. Ruvido, sarcastico, curioso, trasformava i suoi lunghi vagabondaggi per Buenos Aires in istantanee del paesaggio urbano, in ritratti ironici dei difetti cittadini, in visioni del futuro, in minimi ma succosi excursus filologici sulle radici del lunfardo – derivato in buona parte dai dialetti italiani – in rapide incursioni nel mondo dell’arte e delle lettere, in una satira aggressiva dell’ipocrisia e del culto collettivo per l’apparenza, e soprattutto nella denuncia della corruzione politica e dei problemi di una metropoli in turbolento sviluppo, conferendo alle Acqueforti una dimensione politica più o meno esplicita, ma sempre presente, anche se Arlt è incline più a un furore individuale che all’adesione a una qualsiasi ideologia (la sua vicinanza a i letterati marxisti del Gruppo di Boedo fu, in effetti, intermittente e occasionale). Anche travasata nel «mezzo» giornalistico, la sua scrittura rimaneva profondamente narrativa, legata a un discorso letterario del tutto peculiare, in cui avevano fatto irruzione la lingua parlata e il gergo dei bassifondi. Una lingua spezzata e originale, inquieta e ribollente, estranea alla raffinatezza europeizzante dei circoli letterari argentini, così come le erano estranei i materiali cui Arlt si rifaceva: il romanzo e il teatro popolari, il melodramma, la cronaca nera, il cinema, la stampa «a sensazione», le enciclopedie a dispense, l’esotismo dei resoconti di viaggio. Da questo magma affiorano costanti che vanno oltre lo sguardo attento di un antropologo urbano, oltre l’indignazione delle risentite Acqueforti, e rimandano al narratore e all’autore di teatro, sottolineando come tutta la sua opera sia un provocatorio continuum di temi, linguaggi, scelte stilistiche (per esempio quella della frammentazione, che spezza i capitoli dei romanzi in sequenze brevi e provviste di titolo, quasi delle Aguafuertes incatenate), argomenti e personaggi. La lettura di Scrittore fallito evidenzia in modo particolare la contiguità tra l’Arlt giornalista e l’Arlt scrittore, a cominciare dal racconto che dà il nome alla raccolta (una sfrenata parodia dei letterati che «scrivono bene», si inventano avanguardie senza peso né sostanza e sono letti solo da rispettabili parenti) e che potrebbe corrispondere idealmente all’Acquaforte «L’inutilità dei libri», in cui la figura dello scrittore tradizionale, così come la tradizionale e stereotipata immagine della letteratura che distribuisce risposte e verità, vengono attaccate e demolite. Ed ecco tornare, nel racconto «Eugenio Delmonte e i 1300  fidanzati», il rabbioso ritratto delle donne (e delle loro terribili madri) che vedono nel matrimonio una «sistemazione»: nelle Acqueforti se ne incontrano a dozzine, rappresentate con lo stesso rancore che ha guadagnato ad Arlt la fama di misogino, forse non del tutto meritata, perché alle popolane che lavorano duramente, oppresse da uomini fannulloni o violenti, viene riservata un’intensa compassione. Più probabilmente, attraverso la figura della accalappiatrice lo scrittore voleva criticare non tanto le donne, tutte le donne, quanto la loro condanna sociale a trovare nel matrimonio un’identità e una risorsa economica. Ma ad accomunare racconti e Acqueforti è soprattutto la visione della città: una Buenos Aires dove tutto cambia da un giorno all’altro, fatta di sterminate periferie abitate da un vero e proprio «popolo degli abissi», che ha come unico codice di comportamento quello della lotta per la sopravvivenza, e pratica una devianza che agli occhi dello scrittore appare, a volte, come l’unica forma di ribellione possibile e dotata di senso. A un tratto, nell’Acquaforte «Gru abbandonate nell’isola di Maciel» rivediamo le sagome da paesaggio cubista e le atmosfere sinistre del magnifico racconto «La luna rossa», in cui una muta folla di uomini e animali si incammina in silenzio per le strade di una città deserta, per assistere al sorgere di un disco sanguigno che annuncia la guerra e gridare il proprio rifiuto. La città, intesa come corpo vivo e mostruoso, oscuro e divorante, trascolora dal reale al fantastico, diventa metafora di una modernità minacciosa che toglie ogni significato alla parola «progresso», così fiduciosamente borghese, e sorge dalle pagine delle Acqueforti e dei racconti insieme «alla luna rossa bloccata dai grattacieli vermigli», mentree la folla capisce che «questa volta l’incendio era divampato in tutto il pianeta, e che non si sarebbe salvato nessuno». Un paranoico presagio di catastrofe che è il cuore della poetica di Arlt, e che ce lo rende più che mai contemporaneo.

Noi abbiamo appena pubblicato il suo Acqueforti di Buenos Aires. La casa editrice SUR ha pubblicato a fine agosto Scrittore fallito.
Abbiamo quindi immaginato una settimana dedicata a Roberto ARLT, dal 6 al 12 ottobre. Moltissime le librerie coinvolte, con un programma ricchissimo.

Dal 6 al 12 ottobre, quindi, sfida gli altri lettori. Trova la libreria più vicina, gioca e VINCI le copie dei due ibri. Come? Con una sfida a colpi di #CruciverbARLT!


Qui il link all'evento su FaceBook.

ECCO L'ELENCO DELLE LIBRERIE COINVOLTE:

ABRUZZO

Vieni via con me, AVEZZANO 12 ottobre ore 18.00

BASILICATA

Libreria dell'arco, MATERA 11 ottobre ore 19.00

EMILIA ROMAGNA

Pagina 27, CESENATICO 12 ottobre ore 16.30

Diari di bordo, PARMA 10 ottobre ore 19.00

FRIULI

W. Meister, SAN DANIELE DEL FRIULI 9 ottobre

LAZIO

Giufà, ROMA 12 ottobre dalle 15.00 alle 23.00

Altroquando, ROMA 11 ottobre ore 19.30

Koob, ROMA 9 ottobre ore 18.00

La porta gialla, TIVOLI 12 ottobre ore 18.00

LIGURIA

Falso demetrio, GENOVA

Liberi tutti, LA SPEZIA 11 ottobre 18.30

LOMBARDIA

Il mio libro, MILANO 10 ottobre

Articolo 21, BERGAMO 10 ottobre ore 18.00

Le notti bianche, VIGEVANO

MARCHE

Kindustria, MACERATA 11 ottobre ore 19.00

Il catalogo, PESARO 12 ottobre

PIEMONTE

Borgo San Paolo, TORINO 9 ottobre

Profumi per la mente, TORINO

Il ponte sulla dora, TORINO 10 ottobre

La galleria del libro, IVREA

PUGLIA

Storie in corso, MARTINA FRANCA 7 ottobre ore 18.00

Zaum, BARI 11 ottobre 18.30

Dickens, TARANTO

Icaro bookstore, LECCE

SARDEGNA

Libreria del corso, CAGLIARI 11 ottobre

Officina dei libri, CAGLIARI

Koinè, SASSARI 11 ottobre ore 17.30

SICILIA

Colapesce, MESSINA 10 ottbre ore 19.00

Modus vivendi, PALERMO 9 ottobre

Vicolo stretto, CATANIA

TOSCANA

Todo modo, FIRENZE 12 ottobre

VENETO

Marco Polo, VENEZIA 11 ottobre

Libre!, VERONA

Zabarella, PADOVA 9 ottobre

 

 

Incontra i nostri autori
29
giugno -
ore 18.00
Libreria Wojtek / Pomigliano d'Arco
Registrazione
Se non sei ancora registrato, effettua adesso la registrazione.
Login